Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
9 febbraio 2011 3 09 /02 /febbraio /2011 19:08

 

Tarocco des Avenières, Gli Amanti

 

 

amanti01

 

Sesta lama del tarocco, l'Innamorato, così chiamato perché vittima della freccia del piccolo dio Cupido, o Eros in greco, deve scegliere. Due donne lo attirano verso strade diverse. La prima, coronata d'oro, è vestita di una tunica trasparente, che lascia vedere le sue forme intime. L'altra, munita di un copricapo con corna della dea egiziana Hathor, dea dell'Amore, è una sacerdotessa. La sua tunica pesante e opaca nasconde tutte le sue forme fisiche.

 

Così è posta la scelta filosofica a cui deve decidersi l'Innamorato.

 

Egli sceglierà di sposare lo studio della materia e delle sue diverse rappresentazioni, una più seducente dell'altra, o dirigerà invece, aiutato dalla visione interiore, verso la comprensione de mondo causale, metafisico, non direttamente percettibil?

 

La testa del neofita è coperta da un velo contrassegnato da una croce, fatta di tessere dorate. Lo sguardo è sottolineato da due tessere rosse, vicine al naso, come abbiamo già incontrato negli occhi del Papa, allo scopo di dare vita allo sguardo. Le sue due mani incrociate sul petto indicano un'iniziazione. Non è attivo attraverso il gesto, egli sente le forze opposte che lo sollecitano. Deve decidere del suo destino, come indica la freccia che Eros gli scocca alla cieca. Questa scelta si compie secondo delle affinità impercettibili, invisibili per lui in quel momento.

 

amanti02.jpg

La donna vestita con una tunica trasparente porta una corona d'oro, simbolo delle ricchezze di questo mondo materiale e del potere che l'uomo ha su di lui. Ammiriamo il modo in cui i mosaicisti hanno reso le pieghe di questa tunica con l'aggiunta di tasselli marroni e dorati, contrastante con l'insieme blu pallido della tunica color carne. Gli occhi della donna non sono sottolineati da tessere rosse. Essa non è il soggetto principale di questa lama di tarocco.

 

Il collare è formato da decine di millefiori in vetro soffiato, provenienti certamente dai laboratori di Murano a Venezia, anche oggi attivi.

 

 

amanti03.jpg

 

La sacerdotessa regge con la sua mano il braccio del giovane. È la sua strada che egli sta per scegliere, la strada che reclama gli occhi dello spirito per scoprire le cose velate?

 

Questa donna porta come collare dei millefiori di vetro, come le altre donne vestite di questa cappella.

 

amanti04.jpg

 

In basso alla lama del tarocco, al suo centro, si trova una figura rappresentante un cubo visto in prospettiva. Le tre tonalità di blu permettono di immaginare una figura in rilievo. Questo cubo è costituito da 27 piccoli cubi, ciò è quanto per lo meno ci suggerisce l'intelletto.

 

L'insieme di queste figure, ripartite nelle XXII lame del tarocco, costituisce senza dubbio un messaggio o una griglia di lettura specifica di Dina, ideatore di questo gioco dei tarocchi rivisitato. La soluzione dell'enigma, la comprensione di quest'insieme, è oggi persa.

 

 

amanti05.jpg

 

Infine, prima di abbandonare questa lama di tarocco, paragoniamo l'interpretazione di Dina al taroccco di riferimento, quello che Oswald Wirth disegnò su richiesta del suo maestro Stanislas de Guaita, e sotto le sue indicazioni, che vedete qui sotto.

 


amanti06.jpg

 

Tarocco di Wirth, 1889. Copyright © the Golden Dawn Research Trust, 2008

 

 

LINK al post originale:

Tarot des Avenières, L'Amoureux

 

 

Condividi post

Repost 0
La Via dell'Alchimia - in Opere
scrivi un commento

commenti