Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
11 novembre 2011 5 11 /11 /novembre /2011 07:00

Assan Dina arriva alle Avenières

 

Dina, 01

 

 

 

Il signor Pascal Hausermann, antico proprietario del castello, nel suo libro citato, non dà schiarimenti sulle circostanze dell'arrivo di Assan Dina alle Avenières. La signora Dubois, nel suo libro Fulcanelli dévoilé, non si sofferma anch'essa su questo punto, benché dia in poche pagine (pagina 38 e seguenti) molte informazioni inedite.

03

 

J. F. de Roussy de Sales nell'articolo citato scrive: Mary Shillito ha conosciuto Salomon Reinach, il grande erudito archeologo, per via di di Pauline Tarn - Renée Vivien come pseudonimo-, e l'invita a soggiornare alle Avenières. Salomon Reinach porta nel 1913 un collega indù, Assan Dina, che si occupa di Assirologia.

 

shillito.jpg

 

L'ipotesi che segue è anch'essa possibile. Assan Dina è ingegnere idroelettrico. Dall'invenzione dell'"carbone bianco" da parte di Aristide Bergès di Grenoble e la sua presentazione all'Esposizione Universale di Parigi nel 1889, in cui il termine fu consacrato, i primi impianti idroelettrici fiorirono lungo i corsi d'acqua di montagne allo scopo di produrre l'elettricità necessaria alle fabbriche e, in caso di sovrappiù, la luce alle case fortunate. Il castello delle Avenières ha bisogno di elettricità. È Mary Shillito che sollecita i servizi del signor Assan Dina, o è lui che, dopo averla incontrata, gli propone di farlo? La questione non è determinata, ma Assan Dina installa delle centrali idroelettriche nella regione, come menzionato nel libro del signor Fehrenbach, e nell'Aube da cui sua madre sarebbe originaria.

 

Nel 1907 la costruzione del castello inizia sotto l'egida di Mary Shillito, la committente. È consigliata dalla sua "segretaria" e amica, Marcelle Senard. Essa termina nel 1913.

 

Quello stesso anno Mary e Assan si conoscono già e decidono di sposarsi a Parigi. Il matrimonio è celebrato il 22 gennaio 1914 alle 17.45 al comune del XV circoscrizione. Assan ha 43 anni.

 

Dina_Shillito_invito_matrimonio.jpgLista degli invitati al matrimonio di Assan Dina e Mary Shillito.

 

 

 

 

 

 

 

 

Dina_Shillito_atto_matrimonio.jpgAtto di matrimonio di Assan Dina e Mary Shillito.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dina_Shillito_addentum.jpgAddentum al contratto di matrimonio di Assan Dina e Mary Shillito, scritto sul margine sinistro dell'atto.

 

 

 

Mary Shillito è domiciliata al numero 45, Avenue de Friedland. Assan Dina risiede al numero 150, avenue Emile Zola, nel XV distretto, con sua sorella Amina Dina.

 

Amina è nata il 1° marzo 1873 in Francia. Divenne moglie a 26 anni di Rudolf Heinrich Schneebeli, cittadino svizzero, il 27 aprile 1899. Le sue nozze si svolsero a Beira, in Mozambico, dove lavorava con il signor Schneebeli, ingegnere come lei dei ponti e strade ferrate. Essi vi realizzarono una ferrovia a destinazione Johannesbourg. Questa sorella sembra aver avuto una parte determinate in quanto ai progetti di suo fratello Assan. Uno studio a questo soggetto dovrebbe essere effettuato.

 

Sarebbe estremamente interessante conoscere la lista degli invitati a questo matrimonio, in risposta alla lista degli invitati, minimalista, di Mary e di Assan. Marcelle Sénard è presente, così come le loro amiche parigine? Stewart e Wallace Shillito, gli zii di Mary Shillito, hanno compiuto il viaggio dagli Stati Uniti d'America? Béatrice Shillito, la cugina che svolge l'ultimo atto alla morte di Mary, è présente?

 

Per una risposta precisa a queste domande, potremmo capire un po' meglio questo matrimonio, e cioè se ha l'accordo familiare, valutare il grado dell'indipendenza di Mary e di Assan nei confronti della loro rispettiva famiglia.

 

Che colpo di fulmine in questo microcosmo femminile irreducibile! Quale strano rovescio di situazione!

 

Mabel-Dodge-Luhan.jpgPerché Mary ha messo gli occhi e fermato il suo sguardo su quest'uomo dipinto in modo poco elogiativo da Mabel Dodge Luhan, un'amica americana di Mary Shillito, nel suo libro autobiografico pubblicato nel 1932 Intimate memories: "...(Assan Dina)... era molto basso, ma piuttosto forte, con un viso dai tratti pesanti. Gli occhi neri distanti, un po' alla Picasso, brillavano di un violento e selvaggio luccichio. In fondo alle sue pupille si sarebbe detto che un fuoco brillava in permanenza... Aveva una grande testa incassata tra le spalle, il viso pallido dalla tonalità d'avorio, segnato da profonde rughe. La bocca, dalle labbra curiosamente spesse e pendenti, ricordava qualche mostro marino, con qualcosa di Assiro insomma...".

 

Mabel descrive in tal modo dei tratti dovuti all'ascendenza indiana di suo padre. I suoi occhi, ciglia e palpebre sono tipici dell'India, così come la tonalità della sua pelle. Il resto del viso, per contro, è conforme al volto francese delle nostre terre. La descrizione di Mabel rivela anche tutta l'indifferenza, addirittura l'animosità e il disgusto che Assan Dina ispira ad alcune donne vicine a Mary Shillito.

 

Quest'ultima deve avere delle difficoltà a convincere le sue amiche del suo interesse per Assan Dina, addirittura, se la parola non è eccessiva, del suo nuovo amore, di una nuova specie di amore anche, perché questa volta di tratta di un uomo. Che tradimento! Mary Shillito è stata colpita dall'amore di un uomo.

 

Mabel prosegue: "Non ho fatto che accettarlo con il resto del castello, come nell'antico tempo si sarebbe preso un buffone o un nano... Viveva nel periodo in cui decifrava notte e giorno delle tavolette di pietra (assire). Non appariva che durante i pasti, lo sguardo perduto e assorto a tavola, lo spirito del tutto occupato nell'antichità suppongo... Parlava raramente e sembrava sempre assorto dai suoi pensieri. Quando parlava, era a proposito degli Antichi e arrivava a fare, all'occasione, delle dichiarazioni sulle razze e sulla nostra propria razza ariana, che confutavano sempre le nostre antiche convinzioni".


Questo passo di Mabel è molto ricco di informazioni. Mostra innanzitutto che Assan Dina si isola quando Mary Shillito "riceve" le sue amiche. Non le interessa, ma la cosa reciproca sembra anche vera perché "ha lo sguardo perso, è assorto nei suoi pensieri, parla raramente". Queste signore frivole, ripiegate su se stesse nel loro narcisismo, non dovevano affatto interessarlo. Lo si può capire. Mabel percepisce anche il decondizionamento del pensiero di Assan Dina, decondizionamento in rapporto al nostro, evidentemente, perché "confuta sempre le nostre antiche convinzioni". La sua educazione, la sua cultura, sono vissute non sono centrati effettivamente sul puritanesimo dell'Ohio e il saffismo di una parte della comunità americana di Parigi. In altre parole turba doppiamente, sia nelle sue idee sia nella sua appartenenza al sesso dei "maiali".

 

Mary Shillito, in quanto a essa, sembra aver trovato il nuovo ancoraggio che gli manca. Riceve sempre le sue vecchie amiche, ma dà un posto crescente a Assan Dina nella sua vita. Lui da parte sua ha saputo egualmente fermare il suo sguardo su di lei, la donna dal viso ingrato, dai tratti pesanti, lei, Mary Wallace Shillito. Se Wallace è un nome anglo-sassone che si è anche fatto un blasone, Shillito non sarebbe l'americanizzazione di un nome indiano, d'America questa volta? Non si ritrova questa ascendenza nella pesantezza dei suoi tratti?

 

In ogni caso per Mary la separazione del suo antico mondo prosegue. La sua "segretaria", la sua amica del cuore, l'amica della sua sorella, la sua Violet in contumacia, nota il cambiamento e avverte la nuova impresa nello spirito e il cuore di Mary. Non c'è via d'uscita, Marcelle abbandona la partita  di ritira dal castello delle Avenières l'anno in cui mary si sposa. Mary shillito ha 35 anni e Assan Dina 42.

 

 

 

 

[Traduzione di Massimo cardellini]


 

LINK al post originale:

 Assan Dina arrive aux Avenières 

Condividi post

Repost 0
La Via dell'Alchimia - in Personaggi
scrivi un commento

commenti

luke 12/07/2011 22:10


belle informazioni

La Via dell'Alchimia 12/09/2011 14:31



Grazie Luke.


Come puoi vedere si tratta di un personaggio di un certo spessore del tutto sconosciuto nel nostro paese. Sto facendo di tutto, nel mio piccolo, per farlo conoscere. Spero tu ti iscriva alla
Newsletter...